Lista degli articoli

Siracusa

Rate this item
(0 votes)

Siracusa,

fondata nel 734 a.C., nel V sec. a.C. divenne la capitale della Magna Grecia. Rivaleggio con Atene prima e dopo con l'impero Romano. Patria di Archimede. Sulle coste della provincia di Siracusa ci sono fra le più belle spiagge italiane. 


 La provincia di Siracusa è stata riconosciuta dall'Unesco per due riconoscimenti di siti da annoverare come patrimonio dell'umanità.

Iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco: 

  • Durban (Sudafrica), 10-17 luglio 2005

Per la città di Siracusa e la Necropoli di Pantalica. 

Siracusa necropoli di Pantalica
Necropoli di Pantalica
  •  i siti e i monumenti di Siracusa-Pantalica formano un “insieme” che costituisce una raccolta unica quale straordinaria testimonianza delle culture del Mediterraneo attraverso i secoli e nello stesso spazio;
  •  l’insieme Siracusa-Pantalica offre, attraverso la sua straordinaria diversità culturale, una eccezionale testimonianza dello sviluppo della civilizzazione di oltre 3 millenni;
  • il gruppo di monumenti e siti archeologici situati a Siracusa, tra il centro di Ortigia e i vestiggi localizzati in tutta la zona urbana, sono il più grande esempio dell’eccezionale creazione architettonica che raggruppa diversi aspetti culturali (Greco, Romano, Barocco);
  •  l’antica Siracusa era collegata direttamente ad eventi, idee e lavori letterari di eccezionale importanza universale.
  • Budapest (Ungheria), 24-29 giugno 2002

Le città Tardo Barocche del Val di Noto ( Caltagirone, Catania, Militello Val di Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli )

Ferla chiesa sant'Antonio
Chiesa Sant' Antonio a Ferla
  • questo gruppo di città della Sicilia sudorientale fornisce rimarchevole testimonianza dell’esuberante genialità espressa nell’arte e nell’architettura del tardo barocco; 
  • le città del Val di Noto rappresentano l’apice e la fioritura finale dell’arte barocca in Europa;
  • l’eccezionale qualità dell’arte e dell’architettura del tardo barocco del Val di Noto si fonda sulla sua omogeneità geografica e cronologica, nonchè sulla sua abbondanza, risultato della ricostruzione dopo il terremoto che distrusse l’area nel 1693;
  • le otto città della Sicilia sudorientale incluse nell’iscrizione, caratteristiche del modello di insediamento e delle forme di urbanizzazione dell’area, sono costantemente soggette al rischio di terremoti e delle eruzioni dell’Etna.

Noto e Palazzolo Acreide sono in provincia di Siracusa.

Cenni di Storia

Le origini di Siracusa risalgono a circa 1400 anni prima di Cristo, testimoniato dai resti di capanne circolari sull'isola di Ortigia. E qui che si stabilirono i primi colonizzatori Greci provenienti da Corinto nel 734 a.C., facendo di Siracusa la capitale della Magna Grecia. In seguito nel 485 a.C. la città venne conquistata da Gelone, tiranno di Gela. Con Gelone iniziarono le varie guerre contro Atene che si conclusero nel 415 a.C. con la sconfitta di Atene. Nel III e IV d.C. la città cadde sotto l'impero Romano ed inizio la sua decadenza dovuta anche alla scelte fatte durante le guerre Puniche. Seguirono altre dominazioni e fu anche per 5 anni capitale dell'impero d'Oriente. Con l'avvento dei normanni e sotto Federico II di Svevia, la città si riapproprio della sua importanza. E' di questo periodo la costruzione del castello di Maniace e la  fortificazione dell'isola di Ortigia. Nel violento terremoto del 1693 il suo centro storico rimase completamente distrutto e fu ricostruito in stile Barocco. Dopo l'unità d'Italia del 1860 furono abbattute le vecchie mura che cingevano Ortigia e la città si sviluppo sulla terraferma.

Wikipedia

Da visitare 

Palazzo Beneventano del Bosco-pjt
    • Isola di Ortigia
    • Teatro Greco di Siracusa
    • Castello di Maniace
    • Il duomo di Siracusa costruito su un tempio greco dedicato ad Atena.
    • Fonte Aretusa 
    • Tempio di Apollo
    • Parco archeologico della Neapolis
    • Orecchio di Dionisio: è una grotta artificiale che si trova nell'antica cava di pietra detta latomia del Paradiso, sotto il Teatro Greco di Siracusa.
    • Anfiteatro Romano
    • La chiesa di San Giovanni alle catacombe
    • La chiesa di Santa Lucia alla Badia
    • La chiesa di Santa Lucia al Sepolcro
    • La chiesa di San Nicolò ai Cordari
Valley in Syracuse
    • La chiesa di San Martino
    • La chiesa di San Giovannello alla Giudecca
    • La Chiesa dello Spirito Santo
    • Palazzo del Vermexio, sede attuale del comune (1628-1632)
    • Palazzo Beneventano del Bosco
    • Palazzo Arezzo della Targia
    • Palazzo dei Mergulensi-Montalto
    • Camera Reginale (1305-1536)
    • Palazzo Arcivescovile
    • Palazzo Chiaramonte
    • Palazzo Bongiovanni
    • Palazzo Impellizzeri
    • Palazzo Montalto
    • Palazzo Lanza Bucceri
Ortigia dall'alto
  • Palazzo Greco
  • Palazzo Borgia del Casale
  • Palazzo Zumbo
  • Palazzo Steri Magno
  • Palazzo delle poste
  • Palazzo Gargallo
  • Palazzo della Sovrintendenza ai Beni Culturali della Provincia di Siracusa

 Escursioni fuori Siracusa 

    • Necropoli di Pantalica 
    • Palazzolo Acreide
Sicilia Siracusa1 tango7174
  • Ferla 
  • Noto
  • Marzamemi
  • Castello Eurialo e le mura Dionigiane
  • Necropoli di Stentinello
  • La riserva naturale del fiume Ciane 
  • Le saline di Siracusa
  • Riserva di Vendicari

Curiosità  

  1. Siracusa fu una delle tre metropoli mediterranee del periodo classico, assieme ad Atene e ad Agrigento; e fu chiamata anche “Pentàpoli” perché formata dai cinque grandi quartieri di Ortigia (l’isola), Acradina, Neàpoli, Tiche ed Epipoli nella terraferma.
  2. Siracusa fu capitale della Sicilia nel periodo bizantino, dal secolo VI al IX; e addirittura capitale dell’impero bizantino, dal 663 al 668, perché l’imperatore Costante II vi si trasferì con tutta la corte da Costantinopoli, e vi fu ucciso da una congiura; fu capitale della “Camera Regionale”, cioè del patrimonio privato delle regine di Sicilia, dal XIV al XVI secolo; e capoluogo di Provincia dal 1817 al 1837, e dal 1865 in poi.
  3.  La leggenda di Alfeo e di  Aretusa:
    simboleggia il passaggio della civiltà greca dalla madrepatria ellenica alla Magna Grecia; ed è localizzata nella “Fontana Aretusa” ricca di papiri, e nella vicina sorgente di acqua pura che sgorga in mare aperto, che i marinai siracusani chiamano “Occhio della Zìllica”, e che ricorda la metamorfosi di Alfeo, trasformato in sorgente come Aretusa.
  4. L’orecchio di Dioniso:
    In prossimità del Teatro Greco romano, c’è questo famoso monumento, che per i singolari effetti acustici (in realtà, è la cassa di risonanza del vicino Teatro) ha creato la leggenda che il tiranno Dionisio vi rinchiudesse i suoi avversari, carpendone i segreti per mezzo dell’amplificazione delle loro voci. La denominazione di “Orecchio di Dionisio” è dovuta al famoso pittore Michelangelo Merisi (“il Caravaggio”), che visitò questi luoghi nel 1608, e osservò che la forma esterna somigliava ad un orecchio, donde è nata la leggenda relativa a Dionisio. 
  5.  Le più belle monete del mondo:
     In campo numismatico, le più belle monete del mondo sono unanimemente riconosciute i decadrammi aurei siracusani del V secolo a.C., che raffigurano la testa di Aretusa circondata da delfini.
  6. La prima Comunità Cristiana in Europa:
    La cattedrale di Siracusa, che è la trasformazione di un tempio pagano del V secolo a.C., e che nel suo interno reca l’orgogliosa scritta:
    ECCLESIA SYRACUSANA PRIMA DIVI PETRI FILIA, ET PRIMA POST ANTIOCHENAM CHRISTO DICATA,
    perché Siracusa ha avuto la prima Comunità Cristiana d’Europa, mentre la prima Comunità Cristiana in assoluto è quella di Antiochia, che si trova in Turchia, e quindi in Asia. E ancor oggi Siracusa è centro di cristianità, per il culto della “Madonna delle Lacrime”, iniziatosi nel 1953, e ufficializzato dalla visita di papa Giovanni Paolo II nel 1994. 
  7. I grandi Siracusani:
    Nel mondo classico, il matematico Archimede e il poeta Teòcrito, di cui Virgilio si professava allievo; nel mondo medioevale, il papa Stefano III (768 772), che fu figura centrale nella lotta tra la Chiesa e i Longobardi, ed instaurò la consuetudine, ancor oggi vigente, che solo i cardinali preti o diaconi possano essere eletti pontefici; e nel mondo contemporaneo, il fisico Antonino Lo Surdo (1880 1949), professore all’Università di Roma, e Accademico dei Lincèi, che scoperse le radiazioni luminose emesse dagli atomi; e lo sportivo Concetto Lo Bello (1924-1991), che è stato il migliore arbitro di calcio che l’Italia abbia avuto: e la più bella donna del mondo è stata la siracusana Lucia Migliaccio (1770 26), la cui vita fu una favola vera: nata duchessa di Floridia, sposò il principe di Partanna; e, rimasta vedova, divenne la consorte del re Ferdinando I delle Due Sicilie, morendo a Firenze, dove il figlio Luigi (1801 1860) era ambasciatore napoletano (e fu il vero padre della bellissima contessa di Castiglione). 
Santi Currenti - Guida insolita ai misteri,ai segreti,alle leggende...

From Address:
or Map

Read 825 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Gli articoli piu letti

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy per www.etnacountries.cloud

Uso dei cookie

 

Il "Sito" (etnacountries.cloud) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di etnacountries.cloud.

Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili,
in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito,
altri per abilitare determinate funzionalità.

 

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

 

 

 

    • memorizzare le preferenze inserite;

 

 

    • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;

 

 

    • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da etnacountries.cloud per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.

 

 

 

 

Tipologie di Cookie

 

 

Cookie tecnici

 

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

 

 

 

    • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata

 

 

    • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

 

 

 

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati,
a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

 

Cookie analitici

 

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito.
Etnacountries.cloud userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza.
Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

 

Cookie di analisi di servizi di terze parti

 

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza,
provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

 

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

 

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network
al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi).
Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

 

Cookie di profilazione

 

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

 

Etnacountries.cloud, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

 

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

 

 

 

    • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.

 

 

    • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

 

 

 

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

 

Siti Web e servizi di terze parti

 

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy
che può essere diverse da quella adottata da etnacountries.cloud e che che quindi non risponde di questi siti.

 

 

Elenco cookie

Cookie Dominio Scadenza Cookie terze parti Cookie permanente Cookie di sessione
d3b2063b0425cb456127bffc21caacc1 www.etnacountries.cloud         Cookie di sessione
b535b662aaf34c965b8b8dcc1f24882c
facebook_page_plugin