Sicilianità

I più letti

Lista degli articoli

Grammatica siciliana

Rate this item
(0 votes)
 Omeru nun scrissi pi grecu chi fu grecu, o Orazziu pi latinu chi fu latinu? E siddu Pitrarca chi fu tuscanu nun si piritau di scrìviri pi tuscanu, pirchì ju avissi a èssiri evitatu, chi sugnu sicilianu, di scrìviri pi sicilianu? Haiu a fàrimi pappagaddu di la lingua d'àutri? Omeru nun scrissi pi grecu chi fu grecu, o Orazziu pi latinu chi fu latinu? E siddu Pitrarca chi fu tuscanu nun si piritau di scrìviri pi tuscanu, pirchì ju avissi a èssiri evitatu, chi sugnu sicilianu, di scrìviri pi sicilianu? Haiu a fàrimi pappagaddu di la lingua d'àutri? Ritratto di Antonio Veneziano, opera di Salvatore Giaconia (1825-1899), Palazzo comunale di Monreale

A differenza della lingua italiana che ha il sistema eptavocalico, cioè sette vocali, le vocali in siciliano hanno un sistema pentavocalico, cioè hanno cinque vocali: a, e aperta, i, o aperta, u.

Le principali caratteristiche fonetiche sono:
  • La a  è pronunciata [ a ] come in italiano.
  • La i  è pronunciata [ i ] come in italiano.
  • La u  è pronunciata [ u ] come in italiano.

Consonanti

  • La d  si pronuncia normalmente [ d ].
  • La dd  è pronunciata retroflessa:[ ɖɖ ]. Vedi: beddu, cavaddu. (bello, cavallo)
  • La r  si pronuncia retroflessa ([ ɽ ]) solo se seguita da vocale.
  • Il gruppo tr  si pronuncia sempre retroflesso: [ ʈɽ ]. Vedi: trenu, tri (treno, tre). Eccezion fatta per le Madonie, dove si pronuncia come in italiano.
  • Le parole che iniziano per str  si pronunciano con l'unione dei due fonemi [ ʂɽ ]. Vedi: strata (strada).
  • La z  si pronuncia quasi sempre sorda ([ ts ]), raramente sonora. Vedi: zùccaru (zucchero) o zuccuru.
  • La j  si pronuncia [ j ] come la i italiana di ieri. A volte, anche il gruppo consonantico della lingua italiana "gl" assume in siciliano una pronuncia simile alla "j".
  • La h  non è muta, ma comporta un'aspirazione, la fricativa velare sorda come in tedesco "Bach". Tale fono è rappresentato dal gruppo hi, per gli altri gruppi ha l'aspirazione normale (glottale). Fa eccezione quando è usata per distinguere il verbo avere: in questo caso è muta.
In siciliano sono presenti molte parole con le consonanti duplicate a inizio parola. Le più comuni sono: cci, nni, cchiù, ssa, ssi, ssu, ccà, ddòcu, ddà.

Articoli

Gli articoli determinativi sono (l)u, (l)a, (l)i, l'. Gli articoli lu, la, li, (uso minore) perdono la "L" iniziale e diventano u, a i dipende la parola che segue, la parola che precede, il contesto in cui viene utilizzato per rendere la frase più comoda.
Quelli indeterminativi sonoun(u) o nu, na, n'. In siciliano non esiste la forma plurale di questi (ovvero dei e delle): al posto di questi viene usato "na pocu di", na para di, (un paio di), na trina di, ma anche n'anticchia di (un pochino di) ecc.
Nel trapanese (ad eccezione del comune di Marsala) gli articoli non vengono quasi mai accorciati, soprattutto quelli determinativi. La bimba si è nascosta dietro il muro: La nuddrica s'ammucciao darré la cantunera. L'inquilino del piano di sopra ha il passo pesante: Lu vicinu ri supra avi lu peritozzu. I custodi sorvegliano le barche dentro il molo; diventa: Li vardiani talianu li varchi rintra lu molu.

Nomi

I generi sono due: maschile e femminile, ma sono rimasti sostantivi di genere neutro, classificati secondo il genere neutro del latino. Il neutro non ha però un suo articolo perché in siciliano le parole vengono appoggiate da articoli maschili o femminili. Alcune di queste parole neutre sono:
  • (in italiano: l'oliva) che in siciliano ha tutti e due i generi quindi: l'alivu o la aliva
  • (in italiano: l'animale) cioè: lo armali o la armali;
  • (in italiano: le persone) cioè la genti, lu cristianu/la cristiana o li genti, li cristiani

Pronomi

Personali

  • Singolare: Iu/jo/ju/eo, tu, iddu, idda (soggetto); mia, tia, iddu, idda (complemento); mi, ti, ci/si (particella pronominale).
  • Plurale: Nuàutri/navutri/nantri (noi altri, noi), Vuàutri/vavutri/vantri (voi altri, voi), iddi (loro) (soggetto); nuàutri, vuàutri, iddi (complemento); ni, vi, ci/si (particella pronominale).

Possessivi

  • Singolare: me', miu, meo (mio, miei, mia, mie), to', toe (tuo, tuoi, tua, tue), so', soe (suo, suoi, sua, sue)/di iddu (di lui) o idda (di lei)
  • Plurale: nostru, vostru, so'/di iddi (di loro)
Gli aggettivi e i pronomi possessivi vanno sempre prima del nome a cui si riferisce.

Relativi

Chi, Ca, Cu(i), Quali (i/le quali)

Indefiniti

Nenti (niente), Nuddu (nessuno), cirtuni/certaruni (alcuni), certi, quali, qualegghiè/qualegghièrè (qualunque), socchegghiè/nzocheggierè (qualsiasi), cuegghiè (chiunque), ecc.

Interrogativi

chi? (cosa?), comu? (come?), cu? cui? (chi?), picchì? pirchì? (perché?), quantu? (quanto?), quali? (quale?), quannu? (quando?), soccu? nzoccu? (che cosa?), runni? unni? (dove?)

Dimostrativi

  • Maschile: chistu, chissu, chiddu
  • Femminile: chista, chissa, chidda

Verbi

In siciliano l'unico ausiliare è il verbo avere. I verbi possono essere: regolari, irregolari, transitivi, intransitivi, riflessivi, difettivi, servili. Il futuro al giorno d'oggi viene utilizzato solo in forma perifrastica ("jiri" + "a" + infinito). Purtuttavia lo studioso Giuseppe Pitrè ne riporta la presenza nel suo saggio "Grammatica Siciliana". Si noti che l'uso del futuro è recentemente talmente caduto in disuso che Leonardo Sciascia ebbe a dire: «Come volete non essere pessimista in un paese dove il verbo al futuro non esiste?»

Avverbi

-Di luogo:

  • Sotto: sutta
  • Sopra: supra, ncapu
  • Giù: jusu
  • Su: susu
  • : ddrocu (o ddrùacu)
  • Qua: ccà
  • : ddà
  • Dove: unni
  • Intorno: ntunnu
  • Dentro: dintra, rintra
  • Fuori: fora (o fùara)
  • Davanti: avanti, davanzi, navanzi, ravanzi
  • Vicino: vicinu/appressu (o apprìassu)
  • Lontano: arrassu/luntanu
  • Verso agghiri, ammeri
  • A fianco: allatu/attagghiu, dattagghiu, rattagghiu

-Di tempo:

  • Dopo: doppu
  • Prima: avanti, apprima
  • Ora: ora (o ùara)
  • Ieri: ajeri, aìari
  • Oggi: òi (o stainnata)
  • Domani: dumani (o rumani)
  • Quando: quannu
  • Mai: mai
  • Mentre: mentri
  • Fino: nzinu/nfinu

-Di quantità:

  • Abbastanza: bastanti
  • Quasi: casi, quasica
  • Meno: mmenu
  • Più: cchiù
  • Poco: picca
  • Quanto: quantu
  • Molto: assái
  • Tanto: tantu
  • Un pochino: anticchia

-Di maniera:

  • Come: comu, cuamu
  • Bene: bonu, buanu
  • Male: malu
  • Così: accussì
  • Circa: ammeri
  • Inutilmente: a matula
  • Di nascosto: ammucciuni
  • All'improvviso: a strasattu
  • A poco a poco, subdolamente: 'nzuppìlu

-Altri avverbi: Siccome, dunque, anche, avanti, in primis (prima di tutto), in mezzo, invece.

siccomu annunca macari avanti prìmisi mmenzu, mmiazzu mmeci, a locu di

Preposizioni

Le preposizioni semplici sono:
a cu n di pi nna nni nta ntra sinza supra sutta

Queste preposizioni possono essere usate anche come articoli determinativi:

Preposizione: + Articolo: lu = + Articolo: la = + Articolo: li = + Articolo: un =
a ô â ê ôn
cu cû / cô chî / chê c'un
di dû / dô dî / dê d'un
pi pû / pô pî / pê p'un
nna / nni nnô / nnû nnâ nnê / nnî nn'un
nta / nti ntô / ntû ntâ ntê / ntî nt'un
ntra ntrô ntrâ ntrê ntr'un

Congiunzioni

i/e, pure, pure, però, neanche, ancora, anche, ma, perché, seppure, invece
i/e puru sparti pirò mancu ancora videmma ma picchì sippuru mmeci

 

Frasi esempio

  • Se = Sì
  • No, Nonzi = No
  • Sabbinirica!, Assabbinirica!, Ciau! = Salve!, Ciao!
  • Ni viremu! = Ci vediamo!
  • Ni sintemu! = Ci sentiamo!
  • A biatu! = A presto!
  • Salutamu! = Arrivederci!
  • Grazzî assai! = Tante grazie!
  • Bon jornu = Buongiorno
  • Bona sira = Buonasera
  • Bona notti = Buonanotte
  • Pi faùri = Per favore
  • Ou! = Ehi!
  • Pi piaciri = Per piacere!
  • Mi scusassi = Mi scusi
  • Amunì! = Andiamo!, Forza!, Dai!
  • Amuninni = Andiamocene
  • Arreri!, Attorna! = Di nuovo!
  • Accura! = Attenzione!
  • Sapìddu... = Chissà...
  • Chi voli? = Che cosa vuole?
  • Parri sicilianu? = Parli siciliano?
  • Nun capisciu = Non capisco
  • Zìttiti!, Zìttuti! = Taci!, Sta' zitto!
  • Minchia! = Cazzo!

Wikipedia

Read 587 times
More in this category: « LU TISTAMENTU DI LU PORCU

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Gli articoli piu letti

facebook_page_plugin