Paesi Etnei

I più letti

Lista degli articoli

Randazzo

Rate this item
(0 votes)
Etna vista da Randazzo Etna vista da Randazzo By Luca Sartoni da Vienna, Austria (Randazzo) [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Randazzo

754 metri sul livello del mare, 11.000 abitanti circa, ridente cittadina sul versante settentrionale dell’Etna, a dominare la Valle dell’Alcantara verso cui degrada dolcemente, si trova al crocevia di tre importanti province: Catania, Messina ed Enna, collocata strategicamente al centro di quello che un tempo era il Val Demone. Con le sue bellezze paesaggistiche naturali e col fascino delle sue antiche opere d’arte, chiese, vecchi palazzi, musei che ospitano resti archeologici e scientifici di grande valore, con le sue strade ed i suoi vicoli in pietra lavica, è una vera e propria perla ambientale ed architettonica, incastonata nel cuore di un territorio variegato ed unico al tempo stesso, reso ancor più prezioso dalla compresenza di ben tre aree protette: il Parco Regionale dell’Etna, quello dei Nebrodi ed il Parco Fluviale dell’Alcantara.


 

 La città è collegata alla Strada Statale 120, “dell’Etna e delle Madonie”, che prosegue in direzione di Nicosia e poi verso Termini Imerese e Palermo, dopo aver lambito il centro antico di Randazzo. Dalla stessa città, hanno poi origine la Strada Statale 116 – che attraversa diversi paesi del Messinese, per poi raggiungere Capo d’Orlando, sul Mar Tirreno –, e la Strada Statale 284, “Occidentale Etnea”, che porta a Catania facendo il giro dell’Etna, lungo l’asse nordovest-sud, lambendo le città di Maletto, Bronte, Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Paternò e Misterbianco. Per ferrovia,

Circumetnea Stazione di Randazzo
By Uploader originale era LuckyLisp a it.wikipedia
 CC-BY-SA-3.0 from Wikimedia Commons

Randazzo è collegata direttamente con la Circumetnea tanto per raggiungere Catania, attraversando Maletto, Bronte, Adrano, Biancavilla, Santa Maria Licodia e Paternò, quanto per raggiungere Giarre e Riposto dopo aver attraversato le frazioni castiglionesi di Passopisciaro, Solicchiata e Rovittello, nonché le città di Linguaglossa e Piedimonte Etneo. Da Fiumefreddo, inoltre, mediante l'Autostrada 18, ci si può immettere nelle due direttrici di Messina – con svincoli a Giardini Naxos ed a  Taormina – o di Catania.

Storia

Come molte città della Sicilia, le origini si perdono nella notte dei tempi e, come tradizione ottocentesca, ognuno voleva dare alla propria città nobili origini, se non proprio "divine". A questa regola non scritta, non sfuggono neanche i nostri storici locali di quel periodo. La Città di Randazzo, secondo lo storico randazzese, arciprete e canonico don Giuseppe Plumari (1770-1851), sacerdote colto che dedicò l’intera sua vita a darne memoria storica, sarebbe il risultato della fusione di una preesistente pentapoli: Triracia, Triocala, Tissa, Demena e Alesa. 

porta aragonese Randazzo
Porta Aragonese fonte:comune Randazzo

Esse, furono distrutte nel periodo delle guerre civili di Roma e, sarebbero rinate ad opera dell’imperatore Ottaviano in quel sito che sarà poi Randazzo; la quale, appunto, trarrebbe il suo nome dalla corruzione del nome Triracium, divenuto prima Rinacium, poi Ranacium ed infine Randacium, da cui Randazzo. Secondo lo storico Michele Amari, Randazzo sarebbe sorta nel medioevo ed il suo nome, di origine bizantina, deriverebbe da un Rendakes o Randas, governatore bizantino della vicina Taormina nel sec. X, appartente ad una nobile famiglia di Atene, imparentata con l’imperatore di Costantinopoli. Un’altra teoria popolare, invece, che qui si riporta solo per completezza d’informazione, vorrebbe che il nome della città di Randazzo derivi dal termine dialettale “rannazzu”, che significa “molto grande”, per indicare un insediamento molto esteso. 

Randazzo Porta San Martino
Porta S.Martino Fonte:comune Randazzo

Stando alle testimonianze degli storici e dei geografi della Sicilia antica, confermate dai reperti archeologici provenienti dalle contrade Sant’Anastasia, Mischi, Jannazzo e San Teodoro, si può affermare che nel territorio di Randazzo, proprio nelle zone appena citate, esistettero, senza alcuna ombra di dubbio e fin dai secoli più lontani, insediamenti abitati da popolazioni di origine greca, ben amalgamatesi con quella indigena, cui, successivamente, se ne aggiunsero altre di origine latina. 

Porta Pugliese Randazzo
Porta Pugliese-fonte:comune Randazzo

Con la conquista musulmana della Sicilia, per sfuggire alle incursioni degli arabi che dalla costa ionica si spingevano verso l’interno risalendo lungo il fiume Alcantara, gli abitanti di quelle contrade dovettero necessariamente abbandonare i loro villaggi per trovare maggior sicurezza spostandosi verso ponente, e precisamente laddove oggi si trova la città, in quanto la zona era ben protetta da un alto ciglione lavico preistorico, dal fiume Alcantara e da una grande palude ad ovest.

basilica santa maria randazzo
Basilica Santa Maria

E sempre a proposito d’incursioni arabe, ad una di esse è strettamente collegata la storia della nascita dell’attuale Basilica di Santa Maria, in pieno centro cittadino. Narra, la leggenda, che nel territorio dove ora sorge il quartiere di Santa Maria fosse fiorente, nei tempi antichi, una comunità di cristiani, i quali avevano una singolare pietà verso la Madre di Dio, di cui veneravano una bellissima icona.
Al sopraggiungere delle persecuzioni musulmane, i buoni fedeli si rifugiarono in una grotta sulle balze dell’Alcantara, dove portarono l’immagine della Madonna. La persecuzione, purtroppo, infierì sempre più violenta e, pertanto, pensarono di disperdersi abbandonando quel sacro luogo, testimone della loro pietà. Non volendo, però, che la venerata immagine venisse profanata dagli infedeli, credettero opportuno, prima di scappare via, chiudere con un muro l'ingresso della grotta medesima e, come ultimo atto di amore filiale, vollero accendere un lumicino, quasi a simboleggiare il loro amore e la loro fede. Dopo molti anni, o secoli addirittura, in una buia giornata invernale, un pastorello intento ad accudire al proprio gregge fu improvvisamente attratto dall'intermittente brillare di una fiammella, che traspariva da un’anfrattuosità della roccia lavica. Incuriosito, si avvicinò, applicò il suo occhio alla fessura e, con grande meraviglia, vide una sfavillante fiammella che, a memoria sua e di tutti gli abitanti della contrada, nessuno aveva mai acceso. Era la stessa che gli antichi buoni cristiani avevano lasciata accesa dentro quella grotta, davanti all'immagine della Madonna. Subito si gridò al miracolo e, da questo ritrovamento, pieni di entusiasmo i nuovi fedeli vollero sullo stesso posto costruire una chiesetta che, dapprima in legno, venne successivamente ampliata lungo il corso dei secoli, fino a diventare quel magnifico e ricco tempio che possiamo ammirare ancora oggi: la Basilica di Santa Maria. Gli Arabi rimasero in Sicilia per circa tre secoli, fino a quando i Normanni, al seguito del Gran Conte Ruggero, riuscirono a sconfiggerli e a cacciarli dall'isola.
Quando i Normanni giunsero a Randazzo, un altro gruppo etnico del Nord Italia, i Lombardi, si unirono alle precedenti popolazioni, ma non si amalgamarono mai con esse. Ogni gruppo etnico si stabilì in un quartiere diverso, i Greci si stabilirono nella zona di San Nicola, i Latini in quella di Santa Maria ed i Lombardi in quella di San Martino. Ogni gruppo avrebbe parlato la propria lingua fino al sec. XVI, come viene testimoniato dallo storico castiglionese Filoteo degli Omodei. Una leggenda narra che prima della sua spedizione per conquistare Taormina, il normanno Gran Conte Ruggero fu ospitato nel convento femminile di Santa Maria Maddalena, allora dotato, come tutti i monasteri, di un’apposita sezione chiamata “foresteria”. L’accoglienza delle monache fu così calorosa, che il Normanno lasciò loro in custodia l’immagine di San Giorgio, il suo santo protettore. Dopo la conquista di Taormina, prima di tornare a Troina, sua abituale residenza, Ruggero si fermò nuovamente a Randazzo per riprendere il quadro di San Giorgio. Rimasero tutti attoniti quando non si riuscì a staccare il quadro dal muro. Il conte normanno, commosso da questo fatto miracoloso, regalò il quadro alle Benedettine che, da quel giorno cambiarono il titolo del loro monastero da “Santa Maria Maddalena” a quello di “San Giorgio”: così, infatti, si chiama ancora oggi la piazza in cui si trovava l’ex convento. 

palazzo reale - Randazzo
Palazzo Reale - cartolina del 900

Nel sec. XIII la città ebbe un proprio esercito che lottò in favore del re contro i ribelli. Sotto i re svevi, soprattutto con Federico Il, Randazzo godette di un periodo di magnificenza. Nel 1210 l’imperatore e la moglie Costanza d’Aragona si rifugiarono a Randazzo per sfuggire alla terribile peste che imperversava a Palermo. Molti fattori come il clima salubre, il bel paesaggio, la calorosa accoglienza, una vita sociale attiva, convinsero Federico a stabilire in questo luogo la sua residenza reale con tutta la corte e di fare di Randazzo una grande roccaforte di difesa. Fece riparare le mura di cinta e le otto torri e conferì titoli nobiliari ai cittadini che costruirono splendidi palazzi vicino al Castello.  Alla morte di Federico II di Svevia, avvenuta il 13 dicembre 1250, tentò di succedergli il figlio naturale Manfredi il quale, per la verità, non ebbe un gran bel rapporto con Randazzo, poiché questa città, come tutta l’Isola del resto, caldeggiava l’incoronazione di un sovrano siciliano. Manfredi allora, per ritorsione, prese d’assalto diverse città, tra le quali anche Randazzo dove, come altrove, si fece acclamare re. Alla morte di Manfredi, nel governo dell’Isola subentrarono gli Angioini. Fu un periodo breve ed infelice, caratterizzato da imposizioni e persecuzioni. Quando gli Angioini furono cacciati via (con i Vespri Siciliani del 1282), iniziò per Randazzo un nuovo periodo di gloria. Re Pietro III d’Aragona, divenuto Pietro I di Sicilia, venne a Randazzo e si accampò con il suo esercito in una località poco distante da Randazzo, conosciuta ancora oggi come “Campo Re”.

campanile san nicola Randazzo
Campanile San Nicola-fonte:comune Randazzo

Fece restaurare le mura di cinta e le porte della città, fra le quali Porta San Martino e Porta Aragonese (quella vicina a San Giuliano) al di sopra della quale fece apporre, ancora oggi esistenti e ben visibili, lo stemma suo, quello della moglie Costanza di Svevia, e quello di Randazzo, come altrove meglio precisato. Poiché era un uomo molto pio, Pietro regalò alla chiesa di Santa Maria un calice d’oro tempestato d’argento e smalti, che ancora fa parte del tesoro della basilica. All’interno della stessa chiesa si possono ammirare altresì due antiche misure aragonesi: l’orcio, per i liquidi, ed il moggio, per i cereali. Alla morte di Pietro d’Aragona, avvenuta nel 1285, la successione al regno di Sicilia spettò al secondogenito Giacomo, per avere il padre decretato la separazione tra l’Isola ed il regno d’Aragona che, invece, andò al primogenito Alfonso. Anche Giacomo,  generoso e riconoscente nei confronti della città che ebbe ad ospitarlo nel 1286, con pubblico diploma definì Randazzo “terra prelibata”. E certamente il significato non può avere solo riferimento all'ospitalità ricevuta, bensì a quanto i randazzesi avevano saputo offrire alla casa d’Aragona dalla Guerra del Vespro in poi. Quando, in seguito, nel 1291 in Aragona morì Alfonso, a succedergli fu il fratello Giacomo che, contravvenendo alla volontà paterna, detenne anche la corona del regno di Sicilia, lasciando all'altro suo fratello Federico, terzogenito di Pietro e Costanza, la mera reggenza dell’Isola, avendo in animo di cederla agli Angioini pur di non avere molestie da parte loro nel regno d’Aragona.

Randazzo Chiesa san Nicola
chiesa San Nicola

Ma ai siciliani, che già ben conoscevano le angherie francesi, questi giochi di potere e accordi sottobanco non piacevano. Determinarono perciò, in un Parlamento Generale convocato a Catania, che sovrano di Sicilia sarebbe stato Federico il quale, di conseguenza, in quella stessa seduta veniva proclamato “Re di Sicilia”. Incoronato a Palermo il 25 marzo 1296, il giovane sovrano, accettando di diventare il primo re nazionale siciliano, col nome di Federico II d’Aragona, s’impegnò a combattere ad oltranza tutti i nemici dell’Isola. E subito dopo, nel suo viaggio verso Messina lungo la trazzera regia, egli ricevette proprio qui a Randazzo il giuramento di fedeltà dei Magistrati locali, confermando ancora una volta alla nostra Città il titolo di  “demaniale”, sottraendola, di fatto, ai feudatari e rendendola direttamente dipendente dal sovrano, proprio per premiare la lealtà della nostra Città alla corona reale. Federico fece restaurare il Palazzo Reale e con decreto del 1° febbraio 1303 decise di stabilire la sua corte a Randazzo per quattro mesi all'anno.  Fu questo un periodo di magnificenza e di ricchezza. Periodo in cui, per poter accogliere i tanti ospiti che facevano ala alla corte reale, si dovettero necessariamente costruire nuove case e sontuosi palazzi: il centro storico si riempì completamente e la città divenne una tra le più popolose dell’Isola dopo Palermo e Messina. Nel corso del sec. XIV, nonostante atti di ribellione e rivolte da parte di potenti famiglie feudatarie siciliane, Randazzo mantenne un ruolo fondamentale nella storia dell’isola. 

randazzo cattedrale
Chiesa di Santa Maria Assunta

 Il Parlamento Siciliano fu convocato e si adunò per ben quattro volte nella chiesa di San Nicolò. Morto Federico II d’Aragona, i suoi successori continuarono la tradizionale venuta di ogni estate a Randazzo: qui venne, infatti, Pietro II con la regina Elisabetta e vi crebbe il re Ludovico sotto la tutela dello zio duca Guglielmo. Anche sotto il regno di Ludovico la regia corte mantenne le sue più vive attenzioni per Randazzo. Alla di lui morte, avvenuta nel 1355, gli succedette Federico III sino al 1377, anno in cui pure questi transitò ad altra vita lasciando il regno alla propria figlia Maria che, dopo il matrimonio celebrato nel 1391, associò al trono il giovane marito Martino d’Aragona, il quale assunse il nome di Martino I di Sicilia. Morta Maria nel 1402, Martino I detto“il Giovane” contrasse nuove nozze con la giovanissima principessa Bianca, figlia del re di Navarra. Ora, dovendo egli partire in guerra per la Sardegna, nominò la propria sposa “vicaria” del regno di Sicilia. Il suo viaggio, però, fu senza ritorno poiché in Sardegna vi morì. Bianca, rimasta vedova, fu confermata vicaria anche dal suocero Martino “il Vecchio”, re d’Aragona, succeduto al figlio, morto senza eredi, quale re di Sicilia.
Appena un anno dopo però, nel 1410, veniva a mancare pure questi, e la regina Bianca si trovava così a dover gestire, da sola, una complessa situazione politica in quanto, essendo entrambi i Martino deceduti senza lasciare eredi, i feudatari isolani cercarono di ribellarsi per avere maggiore autonomia e non dover così rendere conto alcuno alla corona aragonese. Bianca, tuttavia, riuscì a ricompattare le forze fedeli alla monarchia e, con la sua corte itinerante, attraversò in lungo e in largo la Sicilia più volte. Ed in questo suo itinerare venne anche a Randazzo dove entrò, con tutti gli onori, il 3 giugno 1411..

randazzo chiesa di via dell'agonia
By Alessia Saccone (opera propria) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia 

Con l’istituzione del Vice regno, la Sicilia divenne una provincia spagnola, e Randazzo, che aveva vissuto il glorioso periodo del regno aragonese, subì anch'essa quel grigio succedersi degli avvenimenti che caratterizzarono in maniera negativa la storia dell’Isola durante la dominazione spagnola, con ingiuste spoliazioni ed infinite vessazioni fiscali. Massimo esponente della dominazione spagnola, ed ultimo dei regnanti che Randazzo ebbe l’onore di ospitare nel suo antico Palazzo Reale, il 18 ottobre 1535, fu l’imperatore Carlo V. Avvenimento, questo, di cui esiste testimonianza documentaria.
La città tributò al triste e biondo imperatore sui cui possedimenti non tramontava mai il sole –come amava egli ripetere spesso- grandiose accoglienze, con “fonti plini di aqua rossa et certi archi triumphali…” che fecero rivivere per alcuni giorni i fastosi e memorabili tempi aragonesi.   
Il sindaco gli offrì le chiavi della città su un cuscino ricamato in oro e l’imperatore fu così colpito dalla bellezza della cittadina e dal caloroso benvenuto, che le conferì il titolo di “Civitas Randatii”. La leggenda vuole che quando l’imperatore si affacciò alla finestra del Palazzo Reale e vide una grande folla che lo acclamava, esclamasse “Siate tutti cavalieri!” Da allora in poi quella finestra non è più stata aperta in segno di rispetto. Dopo questi avvenimenti, Randazzo andò in declino, sia a causa di disastri naturali, come la colata lavica del 1536 che distrusse parte della città al di fuori delle mura, sia per la peste (1575-80), che si diffuse ed imperversò per cinque anni nel quartiere di Santa Maria, sia per le tasse pesanti e le razzie che ridussero la città in miseria, tanto che nel 1647, come in tutto il resto della Sicilia, scoppiarono delle vere e proprie rivolte le quali però, ancora una volta, furono represse nel sangue.

A Randazzo la rivolta ebbe luogo dal 16 luglio al 9 agosto. Il popolo, stanco di tante vessazioni, bruciò gli archivi dov'erano depositati i ruoli delle tasse (e non solo quelli), dando persino fuoco alla casa del sindaco il quale si salvò grazie ad uno stratagemma escogitato dai buoni frati Cappuccini.

Randazzo Via degli Archi
By Alessia Saccone (opera propria)
[CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

I Giurati invocarono prontamente aiuto contro i rivoltosi, ed i maggiori esponenti, Ciccio di Pino e Mastro Cesare, condannati alla forca, vennero giustiziati nei loro quartieri di residenza: il primo nella piazza di Santa Maria ed il secondo in quella di San Martino.
Tutto il restante periodo del governo spagnolo, ed il successivo borbonico, si esaurirono per Randazzo nella continua ed incessante richiesta alla città di ulteriori sacrifici economici senza nulla in cambio. Non ultimo disastro furono i bombardamenti anglo–americani del luglio–agosto 1943, che danneggiarono ed in gran parte distrussero all'incirca oltre l’80% delle abitazioni e quasi tutte le opere d'arti: mura di cinta, palazzi, chiese, archivi e musei ...
Fu così che scomparvero molti ricordi della sua gloriosa storia e vennero ulteriormente immiserite le condizioni economiche della città. Un altro grave danno, Randazzo lo ebbe dalla terribile colata lavica del 17 – 19 marzo 1981 quando, preceduto da violente scosse di terremoto, l’Etna, risvegliatosi improvvisamente, cominciò ad emettere un’enorme quantità di fuoco magmatico che stava per travolgere la città, dopo averne distrutto la parte più fertile del territorio.
Grazie a Dio, però, proprio quando si temeva il peggio, il pericolo cessò. I Randazzesi si ricordarono, allora, di un’antica leggenda la quale narra che nei tempi antichi, proprio quando un’altra eruzione minacciava la città, la Madonna era apparsa ad un eremita, che viveva in una grotta proprio qui, sul versante settentrionale del vulcano, assicurando che mai Randazzo sarebbe stata distrutta dalla lava. Promessa che, nel marzo del 1981, venne mantenuta ancora una volta.

Comune di Randazzo 

Curiosità

dal libro "guida insolita ai misteri, alle leggende e curiosità della sicilia di Santi Correnti

LA CITTÀ DEL TRE:

La popolazione randazzese è costituita da tre differenti etnie: quella greca, che fa capo alla cattedrale di San Nicola; quella latina, che fa capo alla cattedrale di Santa Maria; e quella lombarda, che fa capo alla cattedrale di San Martino. Per questo motivo, io chiamo Randazzo “la città del tre”; e, quanto alle tre etnie, faccio notare che esse sono simboleggiate nel leone, nell’aquila e nel serpente che sono raffigurati nella statua di Randazzo vecchia (o, secondo altri, del gigante Piracmone), che si trova dinnanzi alla chiesa di San Nicola; e faccio notare che, quando nel 1830 morì re Francesco I di Borbone, Randazzo fu l’unica città del Regno delle Due Sicilie che celebrò contemporaneamente tre funerali per la stessa persona. 

IL LAGO MISTERIOSO:

In contrada Flàscio c’è un lago misterioso, che scompare d’estate, e ricompare d’inverno. Si chiama Gurrìda; e si dice che da lì abbia origine il misterioso fiume Amenano, che sfocia a Catania; e fa impressione, d’estate, il vedere, tra le spighe biondeggianti, delle barchette, che d’inverno servono ai cacciatori per cacciare gli uccelli di palude. 

LA FERROVIA DELLA CARTA VETRATA:

Oltre alla Ferrovia Circumetnea, che è in funzione dal 1895, ma che è a scartamento ridotto, Randazzo ha posseduto, dal 1958 al 1978, un allacciamento diretto con le Ferrovie dello Stato, la Giardini Randazzo, che fu soprannominata “La ferrovia della carta vetrata”, perché il presidente del comitato promotore della “Giardini Randazzo”, che era il randazzese avv. Ferdinando Basile, quando si accorse che il Governo nazionale e i vari ministri non rispondevano alle sue missive, tutte regolarmente redatte in carta bollata, ripiegò sulla carta vetrata, scrivendo, alla fine di ogni foglio, l’annotazione “DI QUESTA NON POTETE FARE USO IGIENICO”; e in poco tempo la ferrovia funzionò.

 IL DUCA DI RANDAZZO:

L’importanza di Randazzo nel periodo medievale è dimostrata dal fatto che al principe ereditario della monarchia aragonese, che regnò in Sicilia dal 1282 al 1412, veniva dato il titolo di “Duca di Randazzo”, così come oggi nella monarchia inglese al principe ereditario viene dato il titolo di “Principe di Galles”.

 LA COSTOLA DEL SARACENO:

Nella chiesa di San Nicola viene mostrato ai visitatori un reperto osseo di notevoli dimensioni, appartenuto a qualche gigantesco animale preistorico (un dinosauro?), ma che viene indicato come “la costola del Saraceno”.

 LA FINESTRA MURATA:

Nel Palazzo Scala, chiamato anche Palazzo Reale, lungo la via Umberto, c’è una finestra murata. La leggenda vuole che da questa finestra si sia affacciato l’imperatore Carlo V, quando nel 1535 passò da Randazzo; e, come racconta una poesia popolare, da lì abbia visto, e se ne sia innamorato, una bellissima fanciulla del luogo. I randazzesi hanno voluto murare questa finestra, perché nessuno, dopo Carlo V, vi si potesse più affacciare.

IL TESORO DELLA CHIESA DI SANTA MARIA:

Un immenso tesoro si trova nelle fondamenta della chiesa di Santa Maria: per arrivarvi, però, bisogna passare attraverso sette porte di ferro, che si aprono solo per sette minuti, nella notte di Natale, al momento dell’Elevazione durante la Messa di mezzanotte. Una volta, un cittadino randazzese riuscì a penetrare nella stanza del tesoro; ma, abbacinato dalle immense ricchezze ivi contenute, non fece in tempo a uscire, ed è rimasto lì per sempre, trasformato in una statua di pietra 

 

Da Visitare 

  • Palazzo Reale (Casa Scala)
  • Museo Archeologico Paolo Vagliasindi
  • Museo Civico di Scienze Naturali
  • Museo dell'Opera dei Pupi
  • Grotta del Gelo
  • Parco Polivalente Sciarone
  • Il Castello Svevo
  • Chiesa di Santa Maria Assunta
  • Chiesa di San Nicola
  • Chiesa di via dell'Agonia
  • Via degli Archi
Read 836 times
More in this category: « Adrano Zafferana Etnea »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Gli articoli piu letti

Mappa del Territorio Etneo

La zona dei paesi etnei è delimitata geograficamente dal fiume Alcantara a nord che la divide dai monti Peloritani e Nebrodi in provincia di Messina. Ad ovest ed a sud il fiume Simeto segna il confine con le alture dell'ennese. Nella valle il Simeto scorrendo nella piana di Catania separa la zona dei paesi etnei dal sistema montuoso ibleo. Infine ad est la zona è delimitata dalla costa ionica.

facebook_page_plugin