Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Adrano si estende alle pendici sud-occidentali dell'Etna, in una zona collinare che affianca la Piana di Catania ad est ed il fiume Simeto ad ovest. La città è situata ad un'altezza di 600 metri sul livello del mare, ha una superficie di 8.251 ettari e dista 35 km dal comune di Catania. Adrano gode di un clima semi-continentale.

I numerosissimi rinvenimenti di grotte, necropoli e reperti effettuati in diverse località del territorio (Fogliuta, Poggio dell’Aquilia, Mendolito) sono prova della sua età millenaria. Presso la sponda sinistra del Simeto è stata portata alla luce la parte meridionale della città siculo-greca del Mendolito (VIII secolo a.C.) , i cui preziosi reperti sono oggi custoditi presso il locale Museo archeologico, ospitato all’interno del castello normanno. Nel 400 a.C.il tiranno Dionigi il vecchio denominò la città "Adranon", in onore del dio Adranos, dedicato al quale, nella città sorgeva un rinomato tempio(si dice custodito da mille cani Cirnechi).

adrano vaso dell'ermitage
fonte:comune di adrano


Nel 344 a.C. gli adraniti, favorendo la campagna di Timoleonte, si guadagnarono la libertà politica, la quale durò fino al 304 a.C., anno in cui il nuovo tiranno Agatocle conquistò la città. Nel 263 a.C. la città, durante la II guerra punica, fu assediata dai romani che la resero stipendiaria con il nome di "Hadranum". Durante la presenza degli arabi in Sicilia il nome cambiò in "Adornù", per poi cambiare nuovamente in "Adernò" durante la presenza normanno-sveva e aragonese. Quest’ultimo nome resisterà fino al 1929, quando, con decreto del governo la città si chiamò Adrano. Fu il centro principale di una contea comprendente i territori di Centuripe e Biancavilla. Possesso di signori locali, passò agli inizi del XIV secolo a Matteo Sclafani e nel 1330 a Matteo Moncada. La famiglia Moncada conservò il possesso della contea di Adernò fino al XVIII secolo, quando per successione pervenne ad Antonio Alvarez. Gravemente danneggiata dal terremoto del 1693, la città fu teatro di aspri combattimenti tra truppe tedesche ed alleate nell’agosto del 1943.Oggi la struttura urbanistica di Adrano si presenta divisa in settori:il settore centrale, presso il castello normanno, è il più antico, ed ha una pianta piuttosto regolare. Lo sviluppo edilizio ha portato ad occupare interamente con le abitazioni la zona compresa tra la ferrovia Circumetnea e la statale catanese. Tutti i settori recenti, anche se diversamente orientati, hanno una pianta a scacchiera.

 

Adrano Monastero Santa Chiara

 

 

Da Visitare 

 

    • Chiesa Madre, piazza Umberto.
    • Chiesa di San Francesco
    • Chiesa Santa Maria della Catena
    • Monastero di Santa Lucia
    • Chiesa di S. Pietro
    • Chiesa della Madonna del Rosario
    • Convento Domenicano
    • Chiesa del Salvatore
    • Chiesa di S. Agostino
    • Chiesa di S. Antonio Abate
    • Chiesa di SS. Apostoli Filippo e Giacomo
Adrano normannisches Kastell
    • Chiesa di S.Chiara
    • Chiesa SS. Cristo della Colonna
    • Chiesa del Crocifisso
    • Chiesa di Gesù e Maria
    • Chiesa di S. Leonardo
    • Chiesa della Madonna delle Grazie
    • Chiesa di S. Maria degli Angeli
    • Chiesa di Maria SS. Della Catena
    • Chiesa di S. Nicolò Politi
    • Chiesa di Maria SS. Dell'Udienza (in S. Paolo)
    • Chiesa dello Spirito Santo
    • Chiesa di S. Giuseppe
    • Statua di S. Nicolò Politi, piazza S. Agostino
    • Statua dell'Immacolata, piazza Immacolata
    • Altare delle Tre Croci
    • Castello Normanno, (piazza Umberto)
    • Castello della Solicchiata, (zona Solicchiata)
Adrano Chiasa Madre
  • Palazzo Bianchi, (piazza Umberto)
  • Palazzo Pulia, (via S. Pietro)
  • Palazzo Ciancio, (via San Filippo)
  • Teatro Bellini
  • Villa Comunale (o Giardino della Vittoria)
  • Ponte dei Saraceni, (passo del Pecoraio)
  • Acquedotto Biscari
  • Torre di S. Elia (zona S.Leo)
  • Torre Minà
  • Mulini della Rocca
  • Archi Gotici
  • Mura ciclopiche (o Dionigiane)
Wikipedia>