Print this page

La lingua siciliana

0
0
0
s2smodern
Dialetti Meridionali Dialetti Meridionali By Wento (Own work) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

il siciliano

non è una lingua derivata dall'italiano, ma - al pari di questo - direttamente dal latino volgare, e costituì la prima lingua letteraria italiana, già nella prima metà del XIII secolo. Anche l'UNESCO riconosce al siciliano lo status di lingua madre, motivo per cui la maggior parte dei siciliani è descritta come bilingue, e lo classifica tra le lingue europee "vulnerabili". Pur non essendo regolato ufficialmente da nessuna istituzione, il siciliano è materia di ricerca del Centro di studi filologici e linguistici siciliani, con sede a Palermo, che si propone di promuovere gli studi sull'idioma isolano antico e moderno.


Il siciliano nelle sue varietà è correntemente parlato da circa 5 milioni di persone in Sicilia, oltre che da un numero imprecisato di persone emigrate o discendenti da emigrati delle aree geografiche dove il siciliano è madrelingua, in particolare quelle trasferitesi nel corso dei secoli passati negli USA (dove addirittura si è formato il Siculish), in Canada, in Australia, in Argentina, in Belgio, in Germania e nella Francia meridionale. Nel 2004 è stata avviata un'edizione in lingua siciliana di Wikipedia, che al 3 luglio 2016 annovera 25 376 voci. La ricchezza di influenze della lingua siciliana (greco, latino, arabo, francese, provenzale, tedesco, catalano, castigliano e italiano) deriva dalla posizione geografica dell'isola, centrale nel Mar Mediterraneo, visitata durante i millenni da molte delle popolazioni dai cui idiomi ha ereditato il vocabolario e le forme grammaticali. 

Esistono ancora oggi varianti metafonetiche della lingua siciliana che sono considerati come dialetti propri in base alle zone di appartenenza territoriali:

  • Occidentale (tra le province regionali di Palermo e Trapani si contano 1 milione e 600 000 circa di parlanti. Comprende anche il dialetto palermitano)
  • Centro-Occidentale o agrigentino (nella provincia regionale di Agrigento 450 000 circa)
  • Metafonetica centrale (tra le province regionali di Enna e Caltanissetta, incluso Gela, nella zona orientale della Provincia di Palermo e nei comuni "gallo-siculi", 400 000 circa)
  • Metafonetica sudorientale (provincia regionale di Ragusa, zone meridionali delle province regionali di Siracusa e Catania, 350 000 circa)
  • Non metafonetica orientale (tra le province regionali di Siracusa e Catania 1 milione e 450 000 circa)
  • Messinese (nella provincia regionale di Messina, inclusi i comuni "gallo-siculi", 650 000 circa)
  • Reggino (nella provincia di Reggio Calabria, specialmente nella fascia costiera, che include la stessa Reggio, comprendente l'area che va da Scilla a Bova Marina, caratterizzata dall'assenza delle consonanti dure tipiche del resto della Calabria. Esso è l'unico dialetto del siciliano proprio parlato al di fuori dell'isola)
  • Pantesco (isola di Pantelleria) influenzato dall'arabo
  • Eoliano (Eolie)

A differenza della lingua italiana che ha il sistema eptavocalico, cioè sette vocali, le vocali in siciliano hanno un sistema pentavocalico, cioè hanno cinque vocali: a, e aperta, i, o aperta, u.

Le principali caratteristiche fonetiche sono:

  • La a è pronunciata [a] come in italiano.
  • La i è pronunciata [i] come in italiano.
  • La u è pronunciata [u] come in italiano.

Consonanti

  • La d si pronuncia normalmente [d].
  • La dd è pronunciata retroflessa: [ɖɖ]. Vedi: beddu, cavaddu. (bello, cavallo)
  • La r si pronuncia retroflessa ([ɽ]) solo se seguita da vocale.
  • Il gruppo tr si pronuncia sempre retroflesso: [ʈɽ]. Vedi: trenu, tri (treno, tre). Eccezion fatta per le Madonie, dove si pronuncia come in italiano.
  • Le parole che iniziano per str si pronunciano con l'unione dei due fonemi [ʂɽ]. Vedi: strata (strada).
  • La z si pronuncia quasi sempre sorda ([ts]), raramente sonora. Vedi: zùccaru (zucchero) o zuccuru.
  • La j si pronuncia [j] come la i italiana di ieri. A volte, anche il gruppo consonantico della lingua italiana "gl" assume in siciliano una pronuncia simile alla "j".
  • La h non è muta, ma comporta un'aspirazione, la fricativa velare sorda come in tedesco "Bach". Tale fono è rappresentato dal gruppo hi, per gli altri gruppi ha l'aspirazione normale (glottale). Fa eccezione quando è usata per distinguere il verbo avere: in questo caso è muta.

In siciliano sono presenti molte parole con le consonanti duplicate a inizio parola. Le più comuni sono: cci, nni, cchiù, ssa, ssi, ssu, ccà, ddòcu, ddà.

Articoli

Gli articoli determinativi sono (l)u, (l)a, (l)i, l'. Gli articoli lu, la, li, (uso minore) perdono la "L" iniziale e diventano u, a i dipende la parola che segue, la parola che precede, il contesto in cui viene utilizzato per rendere la frase più comoda. Quelli indeterminativi sonoun(u) o nu, na, n'. In siciliano non esiste la forma plurale di questi (ovvero dei e delle): al posto di questi viene usato "na pocu di", na para di, (un paio di), na trina di, ma anche n'anticchia di (un pochino di) ecc.

Nel trapanese (ad eccezione del comune di Marsala) gli articoli non vengono quasi mai accorciati, soprattutto quelli determinativi. La bimba si è nascosta dietro il muro: La nuddrica s'ammucciao darré la cantunera. L'inquilino del piano di sopra ha il passo pesante: Lu vicinu ri supra avi lu peritozzu. I custodi sorvegliano le barche dentro il molo; diventa: Li vardiani talianu li varchi rintra lu molu.

Nomi

I generi sono due: maschile e femminile, ma sono rimasti sostantivi di genere neutro, classificati secondo il genere neutro del latino. Il neutro non ha però un suo articolo perché in siciliano le parole vengono appoggiate da articoli maschili o femminili. Alcune di queste parole neutre sono:

  • (in italiano: l'oliva) che in siciliano ha tutti e due i generi quindi: l'alivu o la aliva
  • (in italiano: l'animale) cioè: lo armali o la armali;
  • (in italiano: le persone) cioè la genti, lu cristianu/la cristiana o li genti, li cristiani

Pronomi

Personali

  • Singolare: Iu/jo/ju/eo, tu, iddu, idda (soggetto); mia, tia, iddu, idda (complemento); mi, ti, ci/si (particella pronominale).
  • Plurale: Nuàutri/navutri/nantri (noi altri, noi), Vuàutri/vavutri/vantri (voi altri, voi), iddi (loro) (soggetto); nuàutri, vuàutri, iddi (complemento); ni, vi, ci/si (particella pronominale).

Possessivi

  • Singolare: me', miu, meo (mio, miei, mia, mie), to', toe (tuo, tuoi, tua, tue), so', soe (suo, suoi, sua, sue)/di iddu (di lui) o idda (di lei)
  • Plurale: nostru, vostru, so'/di iddi (di loro)

Gli aggettivi e i pronomi possessivi vanno sempre prima del nome a cui si riferisce.

Relativi

Chi, Ca, Cu(i), Quali (i/le quali)

Indefiniti

Nenti (niente), Nuddu (nessuno), cirtuni/certaruni (alcuni), certi, quali, qualegghiè/qualegghièrè (qualunque), socchegghiè/nzocheggierè (qualsiasi), cuegghiè (chiunque), ecc.

Interrogativi

chi? (cosa?), comu? (come?), cu? cui? (chi?), picchì? pirchì? (perché?), quantu? (quanto?), quali? (quale?), quannu? (quando?), soccu? nzoccu? (che cosa?), runni? unni? (dove?)

Dimostrativi

  • Maschile: chistu, chissu, chiddu
  • Femminile: chista, chissa, chidda

Verbi

In siciliano l'unico ausiliare è il verbo avere. I verbi possono essere: regolari, irregolari, transitivi, intransitivi, riflessivi, difettivi, servili. Il futuro al giorno d'oggi viene utilizzato solo in forma perifrastica ("jiri" + "a" + infinito). Purtuttavia lo studioso Giuseppe Pitrè ne riporta la presenza nel suo saggio "Grammatica Siciliana". Si noti che l'uso del futuro è recentemente talmente caduto in disuso che Leonardo Sciascia ebbe a dire: «Come volete non essere pessimista in un paese dove il verbo al futuro non esiste?»

Avverbi

-Di luogo:

  • Sotto: sutta
  • Sopra: supra, ncapu
  • Giù: jusu
  • Su: susu
  • : ddrocu (o ddrùacu)
  • Qua: ccà
  • : ddà
  • Dove: unni
  • Intorno: ntunnu
  • Dentro: dintra, rintra
  • Fuori: fora (o fùara)
  • Davanti: avanti, davanzi, navanzi, ravanzi
  • Vicino: vicinu/appressu (o apprìassu)
  • Lontano: arrassu/luntanu
  • Verso agghiri, ammeri
  • A fianco: allatu/attagghiu, dattagghiu, rattagghiu

-Di tempo:

  • Dopo: doppu
  • Prima: avanti, apprima
  • Ora: ora (o ùara)
  • Ieri: ajeri, aìari
  • Oggi: òi (o stainnata)
  • Domani: dumani (o rumani)
  • Quando: quannu
  • Mai: mai
  • Mentre: mentri
  • Fino: nzinu/nfinu

-Di quantità:

  • Abbastanza: bastanti
  • Quasi: casi, quasica
  • Meno: mmenu
  • Più: cchiù
  • Poco: picca
  • Quanto: quantu
  • Molto: assái
  • Tanto: tantu
  • Un pochino: anticchia

-Di maniera:

  • Come: comu, cuamu
  • Bene: bonu, buanu
  • Male: malu
  • Così: accussì
  • Circa: ammeri
  • Inutilmente: a matula
  • Di nascosto: ammucciuni
  • All'improvviso: a strasattu
  • A poco a poco, subdolamente: 'nzuppìlu

-Altri avverbi: Siccome, dunque, anche, avanti, in primis (prima di tutto), in mezzo, invece.

siccomu annunca macari avanti prìmisi mmenzu, mmiazzu mmeci, a locu di

Preposizioni

Le preposizioni semplici sono:

a cu n di pi nna nni nta ntra sinza supra sutta

Queste preposizioni possono essere usate anche come articoli determinativi:

Preposizione: + Articolo: lu = + Articolo: la = + Articolo: li = + Articolo: un =
a ô â ê ôn
cu cû / cô chî / chê c'un
di dû / dô dî / dê d'un
pi pû / pô pî / pê p'un
nna / nni nnô / nnû nnâ nnê / nnî nn'un
nta / nti ntô / ntû ntâ ntê / ntî nt'un
ntra ntrô ntrâ ntrê ntr'un

Congiunzioni

i/e, pure, pure, però, neanche, ancora, anche, ma, perché, seppure, invece.

i/e puru sparti pirò mancu ancora videmma ma picchì sippuru mmeci

 

Frasi esempio

  • Se = Sì
  • No, Nonzi = No
  • Sabbinirica!, Assabbinirica!, Ciau! = Salve!, Ciao!
  • Ni viremu! = Ci vediamo!
  • Ni sintemu! = Ci sentiamo!
  • A biatu! = A presto!
  • Salutamu! = Arrivederci!
  • Grazzî assai! = Tante grazie!
  • Bon jornu = Buongiorno
  • Bona sira = Buonasera
  • Bona notti = Buonanotte
  • Pi faùri = Per favore
  • Ou! = Ehi!
  • Pi piaciri = Per piacere!
  • Mi scusassi = Mi scusi
  • Amunì! = Andiamo!, Forza!, Dai!
  • Amuninni = Andiamocene
  • Arreri!, Attorna! = Di nuovo!
  • Accura! = Attenzione!
  • Sapìddu... = Chissà...
  • Chi voli? = Che cosa vuole?
  • Parri sicilianu? = Parli siciliano?
  • Nun capisciu = Non capisco
  • Zìttiti!, Zìttuti! = Taci!, Sta' zitto!
  • Minchia! = Cazzo!

Alloglossie interne

Lingua
Provincia
Numero di comuni
Mappa
Lingua gallo-italica
Messina Messina Enna Enna
Catania Catania, Siracusa Siracusa)
5 (San Fratello, Sperlinga, Nicosia, Aidone, Piazza Armerina) + 9 (Acquedolci, San Piero Patti, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, Fondachelli-Fantina,Randazzo, Ferla, Buccheri, Cassaro) 
Siciliano gallo italico.svg
Lingua arbëreshë
Palermo Palermo
5  (Contessa Entellina, Mezzojuso, Palazzo Adriano, Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela)
Siculo-albanesi.svg
Lingua greca
Messina Messina
1 (Messina)
Greco-siculi.svg

 

Il Gallo-italico di Sicilia

è un dialetto altoitaliano che si diffuse in Sicilia nel periodo normanno, parlato in alcuni centri della Sicilia orientale, per un totale di almeno ventiquattro località, quattordici delle quali sarebbero, secondo il linguista Salvatore Trovato, quelle dove si parla ancora oggi un dialetto schiettamente gallo-italico. Dopo la conquista normanna dell'isola, Ruggero I iniziò un processo di latinizzazione incoraggiando una politica d'immigrazione della propria gente, francese (normanni, provenzali e bretoni) e dell'Italia nordoccidentale, con la concessione di terre e privilegi. L'obiettivo dei nuovi sovrani normanni fu quello di rafforzare il "ceppo franco-latino" che in Sicilia era minoranza rispetto ai più numerosi greci, ebrei e arabo-saraceni. Grazie al matrimomio dello stesso sovrano normanno Ruggero con l'aleramica Adelaide del Vasto, a partire dalla fine dell'XI secolo vennero ripopolate le zone centrali e orientali dell'isola, il Val Demone, a forte presenza greco-bizantina, e il Val di Noto, con coloni e soldati provenienti dalla Marca Aleramica nel nord Italia detti lombardi, un'area dominata dalla famiglia di Adelaide, comprendente tutto il Monferrato storico in Piemonte, parte dell'entroterra ligure di ponente, e piccole porzioni delle zone occidentali di Lombardia ed Emilia. Il processo di ripopolamento della Sicilia con coloni dell'Italia settentrionale durò fino a tutto il XIII secolo. Questa minoranza linguistica è composta da dialetti alloglotti in cui dominano caratteristiche, soprattutto fonetiche, di tipo settentrionale, appartenenti cioè alle parlate della grande famiglia dei galloitalici, il cui substrato è costituito dalle lingue celtiche e diffuse in gran parte dell'Italia Settentrionale, storicamente appartenente alla macro-regione a sud delle Alpi che i Romani chiamarono Gallia Cisalpina. Le isole linguistiche hanno cominciato ad essere erose nel Novecento. I quattordici centri con parlata galloitalica sono: Nicosia, Sperlinga, Piazza Armerina, e Aidone in provincia di Enna; San Fratello, Acquedolci, San Piero Patti, Novara di Sicilia, Fondachelli-Fantina, Montalbano Elicona in provincia di Messina, Randazzo in provincia di Catania, Ferla, Buccheri e Cassaro in provincia di Siracusa.

Lingua arbëreshë in Sicilia

è un'altra importante minoranza linguistica, detta anche greco-albanese o albanese d'Italia. La lingua di questa comunità, all'interno della provincia di Palermo, nei comuni di Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela e Contessa Entellina, è un'antica parlata strettamente imparentata all'albanese, in modo particolare a quello parlato nel sud dell'Albania, ed è riconosciuta dalla legge nazionale n.482 del 15 dicembre 1999 per la tutela delle minoranze etno-linguistiche. Il centro di questa enclave è costituito dalla cittadina di Piana degli Albanesi, in cui tutte le tradizioni si sono mantenute vive nel tempo.  La lingua arbëreshë viene tuttora mantenuta viva da tutta la comunità, grazie a un forte e radicato senso dell'identità, e viene regolata da istituzioni religiose e culturali che contribuiscono alla salvaguardia e alla valorizzazione del prezioso patrimonio.

Lingua greca in Sicilia

La minoranza greca in Sicilia è oggi costituita dai greci di Messina, o greco-siculi, minoranza linguistica radicata nel territorio di Messina. Nel 2012 Messina è stata riconosciuta come "comune di minoranza greca", nel cui territorio applicare le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche previste dalla legge n. 482 del 15/12/1999.

 

fonte: wikipedia 

0
0
0
s2smodern

Media

Usi, aneddoti e ricette nel Galloitalico di Nicosia - Intervista alla Sig.ra Serena Fiscella 2/4 - video Fonte:Arca dei Suoni - CRICD Regione Siciliana - url: http://www.arcadeisuoni.org/index.php/copia/details/13/607